sabato 17 ottobre 2020

La Tomba dei Re Serpenti per Strange Magic

Il buon Manuel Colleoni, amico e autore di vari moduli ufficiali e non per Strange Magic, ha fatto una bella conversione gratuita de La Tomba dei Re Serpenti proprio per questo bell'OSR italiano.

Clicca sull'immagine per andare al download!


Illustrazione di Manuel Colleoni

Potete scaricare la conversione dal suo blog AUTARKIKAGDR, dove Manuel si dedica a scrivere di GdR soprattutto in riferimento al variegato panorama nostrano.
È un bel blog, dateci un'occhiata.

Ringraziamo Manuel per il suo contributo, e speriamo di vedere altri lavori di qualità sia sulla Tomba che per altre cose nella crescente comunità OSR italiana.

giovedì 15 ottobre 2020

Il Caprone Nuragico - Un mostro OSR dalla Sardegna mitica

Questa creatura nasce da un semplice incontro in una chat: il buon Luca Maiorani ci ha mostrato uno dei suoi bei disegni chiedendo letteralmente " secondo voi che tipo di mostro è? Come si comporta? Come si muove, caccia, attacca, ecc.?"
Eh beh, ho risposto.

Ecco a voi il...

Illustrazione di Luca Maiorani

Caprone Nuragico

  • Numero Incontrato: 1
  • Classe Armatura: come Maglia
  • Dadi Vita: 5
  • Movimento: 120' (40')
  • Attacchi: 2x Artigli (1d6, vedi Afferrare), 1x Corna (1d8); o 1x Campanacci (vedi sotto)
  • Morale: 6
  • Allineamento: Caotico
  • Punti Esperienza: 300
  • Speciale
    • Campanacci: il Caprone agitando il corpo fa rintoccare i campanacci provocando alle prede uno stato di nausea e confusione entro 50' dalla sua posizione. Salva per Resistere all'effetto, o subisci -2 a tutti i tiri di attacco, tiri salvezza e classe armatura per 1d6 round.
    • Afferrare: se entrambi gli artigli colpiscono la vittima, questa viene afferrata e può essere trasportata di peso oppure sbattuta via a 10' di distanza (per 1d6 danni). La vittima al suo turno può provare a Salvare per Liberarsi dalla presa, ma non può fare altro.

Il Caprone Nuragico è una creatura che si dice si aggiri tra le rovine nuragiche (da cui il nome) per difenderle dai cacciatori di tesori e i profanatori di tombe.
In realtà al centro dei nuraghe ci sono passaggi dimensionali che si aprono al calare delle tenebre permettendo al Caprone di passare al nostro mondo per cacciare.

Il Caprone Nuragico prima usa i campanacci per stordire le prede, poi si lancia su di esse artigliandole e afferrandole per così portarle verso il proprio portale. Se la vittima è ancora viva dopo averla artigliata e afferrata, solitamente la sbatte violentemente contro il terreno per finirla.
Pur essendo molto forte non è una creatura particolarmente coraggiosa, e affronterà solo piccoli gruppi o prede solitarie, o in caso di gruppi più numerosi tenterà di afferrare una sola preda per portarla velocemente con sé attraverso un portale.

Oltre i portali si trova:
1 Uno specchio oscuro, tetro e ancora più pericoloso del nostro mondo. Tutte le creature del nostro mondo sono più grandi, forti e pericolose, e gli abitanti sono ostili e guerreschi.
2 Un'enorme e labirintica città in rovina i cui costruttori, scomparsi da migliaia di anni, sono chiaramente gli stessi dei nuraghe. I nuraghe del nostro mondo non sono altro che edifici "compenetranti" nella nostra dimensione.
3 Una rigogliosa foresta abitata da tribù di uomini-capra in perenne lotta tra loro. I caproni sono membri di queste tribù toccati -e resi più potenti e ferali- dalla magia dei portali. Sarà davvero sicuro attraversarli?
4 Il relitto di una nave spaziale precipitata su un ostile pianeta migliaia di anni luce di distanza, i cui motori spazio-temporali danneggiati e a malapena funzionanti sono perfettamente "allineati" con la posizione dei nuraghe.

† † †


Ringrazio Luca per il disegno e per avermi permesso di ripubblicarlo, e vi invito a visitare la sua pagina su Artstation piena delle sue fantastiche illustrazioni!

mercoledì 16 settembre 2020

Il Questionario-Guida sull'OSR per i Perplessi

Questa è la versione italiana di un interessante questionario a cui risposi tempo fa su questo stesso blog, dedicato a chi è perplesso dall'OSR e vuole capire cosa ha di interessante per ognuno di noi che ci sentiamo parte del Movimento.

Il questionario originale risale a quasi due anni fa, quindi questa è da considerarsi anche la sue versione aggiornata nelle risposte.
Ho anche aggiunto una domanda (la 17) che si adatta al contesto italiano.

Sentitevi liberi di (anzi, DOVETE!) rispondere alle varie domande sul vostro blog, o su altre piattaforme che permettano di condividere il post con altri in modo tale da poterli raccogliere e mostrare a tutti coloro che non sono ancora caduti nel tunnel dell'OSR.

Le Domande (e le Risposte)

(Siccome una risposta è troppo poco, spesso baro (ma guai a farlo dietro lo schermo!) e ne metto di più)

1. Un articolo o post che secondo me rappresenta il meglio della Old School Renaissance:
Una delle domande, se non la domanda, più difficile.
Dopo averci un po' pensato, vado con questo: What is Artpunk? - un post che rappresenta (e spiega) il lato dell'OSR che mi piace di più.
E indica, in fondo, alcuni principi importanti sullo stile OSR.

2. La mia perla di saggezza, consiglio, o affermazione irriverente preferita sull'OSR:
Quando giochi OSR devi interagire con il mondo di gioco e i suoi abitanti (qualcuno direbbe "con la fiction") come se esistessero veramente, e aspettarti quindi risposte e conseguenze verosimili alle tue azioni.

3. Il miglior modulo o supplemento OSR:
  • Better than Any Man come campagna sandbox (attenzione però: è horror, NSFW e decisamente esplicita nella violenza e contenuti!)
  • La Tomba dei Re Serpenti ovvero il miglior modulo introduttivo allo stile di gioco OSR e alla progettazione di dungeon. E non lo dico solo perché lo abbiamo tradotto!
  • A Pound of Flesh - il miglior supplemento/avventura/ambientazione/area che esista, pieno zeppo di roba usabilissima, un design ottimo, e così tanto stile che cola dalle pagine.

4. La mia house rule preferita (ideata da qualcun altro):

5. Come sono venuto a conoscenza dell'OSR:
Quando cominciai a giocare ai GdR nel lontano 2010 iniziai quasi direttamente come master, e già all'epoca la famigerata complessità di D&D 3.5 - il GdR in assoluto più in voga all'epoca - in parte mi spaventava, e in parte il suo stile di gioco non mi interessava. Cercando così un regolamento facile da imparare e da giocare, scoprii prima una sorta di versione breve di Tunnels & Trolls (gioco praticamente impossibile da trovare poiché i pdf non erano ancora in vendita) e subito dopo Dungeonslayers, un "gioco di ruolo all'antica" con cui iniziai la mia prima campagna, durata quasi due anni e mezzo.

Da questo GdR "all'antica" al famosissimo A Quick Primer for Old School Playing di Matt Finch e infine alla conoscenza dell'OSR il passo è stato assai breve.
Prima di entrare davvero nell'OSR e toccarlo con mano (e dadi) ci sono però voluti altri due anni abbondanti, durante i quali ho fatto da Arbitro ad una campagna di Traveller, gioco comunque assolutamente old-school.

*pausa a effetto*

Era chiaro che il mio destino era ormai segnato.
Nel 2016 (solo quattro anni fa!) comprai la mia copia di Lamentations of the Flame Princess... e il resto è storia.

6. Il mio strumento o la mia risorsa online OSR preferita:

7. Il miglior posto per parlare con altri giocatori di OSR:
In Italia il miglior gruppo è certamente OSR Italia su Facebook (in cui sono tra gli Admin) e Ruling the Game su Telegram.
Di OSR c'è altro a parte i gruppi strettamente dedicati a titoli particolari tipo OSE e Strange Magic.

Per la lingua inglese direi OSR RPG su Facebook (uno dei pochi gruppi del genere che ha dimostrato di non essere amministrato da stronzi), OSR Pit su Discourse (un ottimo gruppo gestito da bella gente che ospita bella gente, in una piattaforma indipendente) e infine il server Discord OSR, anche questo gestito da brave persone (un aspetto sempre importante)

8. Altri posti dove mi potreste trovare a parlare di giochi:
Oltre che sui miei account social

Un po' in tutte le comunità Facebook di GdR italiane generiche (tranne un paio, di cui trovo l'amministrazione un po' tossica) e qualche gruppo Telegram. Troppa roba da elencare, comunque.

9. La mia fantastica e irriverente opinione sull'OSR che nessuno apprezza mai abbastanza:
Puoi divertirti a "uccidere" i personaggi dei tuoi giocatori (per sfiga o fato, MAI di proposito!) e allo stesso tempo essere un loro fan e dispiacerti quando succede.

10. Il mio GdR non OSR preferito:

11. Perché mi piace la roba OSR:
Perché si basa sulle abilità dei giocatori e non sui punteggi dei personaggi, e quindi c'è una reale attenzione alla risoluzione di sfide e problemi tramite l'arguzia e l'ingegno, e un concreto rischio di fallire e a volte morire se si fa una cazzata.
E perché si basa su situazioni, problemi, fazioni, luoghi, ma non storie già scritte che i giocatori devono seguire. Non c'è nulla che si suppone debba accadere.

12. Un altro paio di cose che dovresti sapere sull'OSR ma che non ho ancora detto:
Non ho detto che la maggior parte dei giochi OSR (specificatamente i retrocloni di D&D) sono molto simili tra loro permettendo di usare le avventure, creature, supplementi e altro senza quasi convertire nulla. Decenni di roba a tua disposizione, insomma.
Non ho detto che questo permette anche di prendere regole e aspetti dai vari regolamenti che ci sono e di combinarli insieme per creare il proprio regolamento di Frankenstein con estrema facilità, oltre a creare le proprie regole casalinghe, e il tutto senza rompere il gioco, vista l'estrema semplicità e modularità.
La personalizzazione è uno dei cardini dell'OSR dopotutto.

Ma soprattutto: puoi amare follemente l'OSR senza dover essere necessariamente vecchio, nostalgico, o entrambe le cose. Un luogo comune piuttosto diffuso in Italia.

13. Se potessi leggere solamente un altro blog di GdR oltre il mio sarebbe:
Coins and Scrolls, il blog di Skerples, perché è figo, ci scrive spesso, è figo, ha ottime idee, è figo.

14. Una roba sui giochi che ho fatto io e che mi piace un sacco:
Tabella di Equipaggiamento Completo per LotFP e altri giochi fantasy che serve per generare l'equipaggiamento completo di un personaggio con solo un tiro di dado. Da aggiornare, ma funziona bene.

15. In questo momento sto giocando a/conducendo/narrando:
Sono giocatore in una campagna di Lamentations of the Flame Princess che dura da quasi due annetti. Jerome (il mio PG) è l'unico a livello 4, ed è l'unico che è ancora vivo da inizio campagna.
Conduco one-shot di vario tipo, specialmente OSR ma non solo.
Ho iniziato una mini-campagna di Risus che è durata due sessioni e non so se porterò a termine.
Spero, presto, di condurre una campagna di Ultraviolet Grasslands!

16. Non mi importa se usi la Classe Armatura ascendente o discendente perché:
Si possono sempre dire cose come "CA come cotta di maglia" o "come cuoio e scudo" anziché usare i numeri e convertirla facilmente nel sistema preferito.

17. Il gioco OSR che vorrei veder tradotto in italiano è:
Assolutamente Troika! Su questo non c'è dubbio. Uno dei migliori rappresentati dell'OSR che ci sono.
In passato avrei detto Lamentations of the Flame Princess... ma credo che il suo tempo massimo sia ormai passato.

18. L'immagine più OSR che riesco a mostrarti nel minor tempo possibile:

Gate in the Wastes, by Luka Rejec


Ora però tocca a voi rispondere al Questionario-Guida, e una volta fatto, commentate il post con il link alle vostre risposte!

martedì 1 settembre 2020

La Trilogia dell'OSR - Parliamo di GdR con Daniele Prisco

Dopo il video della mia chiacchierata con Helios Pu, oggi abbiamo un'interessante tripletta in cui Nellara Hilson (Admin assieme a me di OSR Italia, e suo fondatore), Helios Pu (ancora!?) ed io (di nuovo!?) chiacchieriamo con nientemeno che il nostro fantastico anfitrione Daniele Prisco di... OSR!



E voi qui mi chiederete: ma cosa ne sa Helios di OSR?
Beh forse sono stato un buon maestro, o Helios ha studiato bene, però non ha fatto nessuna cappella e non ho necessità di tirarli le orecchie (o fargli fare dei Tiri Salvezza).
Bravo!


Come sempre spero che le chiacchierate vi siano piaciute!

Ringrazio Daniele per questa bella trilogia che esplora l'OSR da vari punti di vista differenti (anche molto!) e che ha saputo non rendere le tre chiacchierate monotematiche tra loro ripetendo le stesse cose; ringrazio il mio caro co-admin Nellara (che per la prima volta ha rivelato il suo volto al mondo per parlarci della sua passione) e Helios che non mi ha insultato e che non ha parlato male dell'OSR mentre non c'ero.

Grazie a tutti!

E se avete qualsiasi domanda o dubbio, i commenti sono aperti per voi!

giovedì 6 agosto 2020

Un aggiornamento importante a La Tomba dei Re Serpenti

Ebbene sì, per quanto apprezzata c'erano un paio di cose che abbiamo preferito aggiornare.
Ora la Tomba è in versione 1.1, e fareste meglio a scaricarla (link in fondo) perché ci sono interessanti novità.

Ma cosa è stato cambiato?


Canaglie!
Una nuova appendice di tre pagine con un nuovo regolamento OSR minimale per poter giocare immediatamente a La Tomba dei Re Serpenti. Compatibile con B/X, ovviamente!

Nuova disposizione delle pagine!
Ora per stamparti il pdf a casa basta impostare la stampa "a opuscolo" senza dover fare altro (prima le pagine erano ordinate male e non erano multipli di 4 e quindi venivano stampate alla cazzo)!
Se vuoi stamparlo in tipografia, adesso puoi (e consigliamo) farlo spillato.

Più tesoro per tutti!
Ok non proprio, ma il modulo originale era pensato per personaggi che salissero di livello con 200px, ma in B/X in media ne servono 2000, quindi abbiamo moltiplicato il valore dei tesori x10 in tutto il modulo, mappa riassuntiva compresa.

I mostri hanno un Tiro per Colpire!
Nel Bestiario Basic/Expert mancava l'indicazione sul bonus per il Tiro per Colpire dei mostri, l'abbiamo aggiunto. Nulla che un Abritro esperto non sapesse, ma qualcosa che avrebbe potuto crucciare un novizio.

Corretti ben due errori di battitura!
O siamo pessimi nel trovarli, o siamo stati bravissimi nel correggerli prima di pubblicarli (o siamo dei veri geni in grammatica, anche questa è una possibilità dopotutto).
Ah, c'era anche una "n" che non era in grassetto come il resto del nome. Erroraccio.

Ma scendiamo nei noiosi dettagli


Innanzitutto un tipografo amico mi ha (giustamente) sgridato: le pagine tradizionalmente vanno contate a partire da destra, quindi a destra i numeri saranno dispari e a sinistra pari. Avevo fatto il contrario, e ora ho corretto la mia sfrontatezza nel rompere le tradizioni (e sfoltito la mia ignoranza).

Inoltre l'idea della Tomba era poterla stampare a casa, e il modo migliore è con la configurazione "a opuscolo".
Ebbene, affinché venisse bene, le pagine devono essere disposte in un certo modo, e soprattutto devono essere divise in "quartine" (mi sembra si dica così) ovvero devono essere un multiplo di 4.

Ovviamente non era così (erano 38 pagine e avevano un ordine buffo) e questo ci causava un problema: togliere pagine non era possibile (bisognava scendere a 36), 40 erano poche (per una questione di disposizione), aggiungerne per arrivare a 44 avrebbe significato avere delle pagine bianche. Non molto carino.
E che fare, quindi?

Ho preso Knave, l'ho adattato un po' (con ispirazioni da altri regolamenti), l'ho strizzato in sole 3 pagine, et voilà, ecco Canaglie!
Un regolamento OSR minimale (ma compatibile con B/X) che va a integrare le altre due appendici già presenti rendendo La Tomba dei Re Serpenti assolutamente autonoma, permettendo di scaricarla, leggerla e giocarla senza bisogno di nient'altro.

Ovviamente per farlo stare in sole tre pagine A5 ho dovuto rinunciare ad alcuni aspetti, come la magia, e semplificarne altri, ma per il resto è un regolamento assolutamente utilizzabile così com'è, e inoltre introduce indirettamente un altro aspetto dell'OSR: prendere pezzi da altri regolamenti più completi per formare il proprio "Frankenstein"!

Continuando le spiegazioni noiose, una prova sul campo da parte di novizi dell'OSR ha rivelato una cosa importante: quello che si pensava i lettori avrebbe letto e assimilato è passato inosservato, causando qualche grattacapo.

I tesori nel modulo originale erano infatti stati pensati secondo la regola che un personaggio salisse di livello con 200 monete d'oro, che è 10 volte meno quanto in media succede con i classici regolamenti derivanti da B/X (2000 mo).
Durante la traduzione avevamo mantenuto questa logica rimanendo fedele al modulo, e consigliando (con una nota a margine) di moltiplicare x10 i tesori in caso di utilizzo di questi regolamenti Basic/Expert.

Ebbene è risultato evidente che questa nota non venisse sempre notata, e quindi abbiamo deciso, per mantenere la massima compatibilità con la maggior parte dei regolamenti OSR e con il Bestiario Basic/Expert in fondo al modulo e il regolamento di Canaglie, di moltiplicare direttamente tutti i tesori x10 nel modulo e toglierci il problema.
Se non ve ne eravate accorti, vedrete che i vostri personaggi saliranno di livello molto più rapidamente.

Direi che questo è quanto.

La Tomba dei Re Serpenti v1.1 è disponibile per il download GRATIS qui!

Su DriveThruRPG
Su Itch.io


E come sempre, grazie di cuore, e buon gioco!

Il Faroide e l'Uomotorto - Democrazia Gygaxiana

Un Faroide attacca un Uomotorto
"Hypnose" di Sascha Schneider (1904)

Due creature particolari.
Due mostri, ma non maligni come ci si potrebbe aspettare. Due sfide, se vogliamo, di natura diversa e da affrontare in maniera diversa.
E create nientemeno che con con il sistema della Democrazia Gygaxiana!
Di che parlo?

Ma del Faroide e dell'Uomotorto ovviamente, creature per D&D B/X e regolamenti OSR simili!

Tutto ebbe inizio dall'immagine in alto.
L'ho condivisa su OSR Italia, e ho chiesto di descrivere e indicare le statistiche del mostro. Non sono stato deluso, ed di seguito trovate il risultato (da me espanso e adattato un poco).

Potete leggere gli altri risultati, che non ho riportato, a questo link.

Faroide

di Luca Volpino

Num. Incontrato: 1
Classe Armatura: come Cuoio e Scudo
Dadi Vita: 5
Movimento: 120' (40')
Attacchi: 1x Afferrare (1d3) o 1x Faro (vedi descrizione)
Morale: 10
Allineamento: Neutrale (ma un po' bastardo lo è)
Punti Esperienza: 300

Anche conosciuto dagli uomini della Britannia come Beaconoid, questo mostro appare solo vicino a siti di naufragi. È una manifestazione del dolore, del terrore e della sofferenza avvenuta durante queste tragedie, e il suo unico scopo è comunicare con ogni forza questa esperienza a ignare vittime.
Attacca preferibilmente viandanti solitari, o gruppi apparentemente deboli e timorosi.
Si presenta come un uomo coperto di vestiti stracciati e fradici che gli coprono solo parte del corpo, tra cui la testa e parte del volto.
Gli occhi sono larghi e di vetro, come se fossero pezzi di una lanterna di una nave.

Con il primo attacco, se colpisce, afferra il polso della vittima, che sarà immobilizzata (come per l'incantesimo Paralisi) per 1d6 round.
A questo punto il Faroide attacca con il suo Faro.
Non necessita di Tiro per Colpire; se la vittima fallisce un Tiro Salvezza contro Morte, viene investita e accecata dalla luce proveniente dagli occhi del mostro, e rivivrà la morte di ogni singolo membro della nave naufragata lì vicino.
L'orrore di questa esperienza renderà la vittima catatonica (immobilizzata e completamente incapace di agire) per 1d6 giorni. Un incantesimo di Cura Maledizioni può accorciare la durata di questo effetto.


Uomotorto

di Andrea Bergamelli

Num. Incontrato: 1
Classe Armatura: come Senza Armatura
Dadi Vita: 2
Movimento: 90' (30')
Attacchi: 1x Colpo (1d4)
Morale: 7
Allineamento: Neutrale
Punti Esperienza: 20

Cieco dalla nascita, l'uomotorto è una creatura umanoide nota per essere sempre con la schiena inarcata.
Questa posa lo aiuta a percepire meglio l'aria sul collo e sul volto che, molto sensibili agli spostamenti d'aria, gli permette di muoversi e difendersi.
Gira nudo, perché essendo solo apparentemente di aspetto umano se ne frega del pudore.

Un uomotorto è una creazione spontanea e inaspettata generata dal Caos oltre il Velo, che avviene ogniqualvolta un essere umano viene ucciso tramite disintegrazione magica. Quando questo avviene, da qualche parte sul globo terracqueo una creatura di aspetto assolutamente identico, ma senza nessuna similitudine dal punto di vista dello spirito e del carattere, viene generata e inizia a vagare senza meta.

Un uomotorto viene spesso scambiato per una vera persona con stato mentale degradato, poiché pochi sanno della loro origine, e di solito vengono rinchiusi in manicomi o uccisi per pietà o per paura.
Questo essere non ha scopo se non quello di vagare all'infinito per la terra, e non necessita di cibo o acqua per sopravvivere (ma berrà e si ciberà, come riflesso, se gli verrà offerto di farlo).

Si dice che molti stregoni e studiosi di occultismo e arcanismo siano in perenne ricerca di uominitorti per condurre i loro esperimenti, e che pagherebbero lautamente chiunque gliene porti uno in vita.

Un uomotorto attaccherà solo per difesa, cosa che spesso questi esseri sono costretti a fare di fronte alla paura e la superstizione della gente, ma mai per altro motivo.
Attacca sempre in svantaggio (tira 2d20 e scegli il risultato più basso) a meno che il suo bersaglio non sia in lotta diretta con lui.

martedì 4 agosto 2020

Che cos'è un nome?

"Che cos'è un nome? Ciò che chiamiamo rosa,
con qualsiasi altro nome avrebbe lo stesso profumo."


Non che stia affermando che questo blog sia una rosa profumata (anche se i fumi dell'oppio possono apparire dolci e assuefanti se mischiati ai pensieri girovaghi dei fumatori) e per quanto sia la sostanza che conta, il nome è una cosa che mi sembra importante.
In questi tempi di grossi cambiamenti, poi, cambiare un nome è un grosso segno.
E vista la mia decisione di scrivere in Italiano (prevalentemente, ma esistono ancora dei contenuti futuri destinati più ad un pubblico internazionale) un cambio di nome mi sembra quasi d'obbligo.

Dico quasi, perché qualche remora ancora ce l'ho: Dismaster's Den of Unfinished Thoughts è un nome che scelsi con lunghi ragionamenti, e per quanto di difficile pronuncia, vi sono molto affezionato.
Tuttavia è un nome difficile, complicato e pesante specialmente se rivolto ad un pubblico italiano, verso il quale d'ora in poi prevalentemente mi rivolgerò.

Ma non lo abbandono completamente. Ci ho pensato (a lungo, ma nemmeno troppo) e ho deciso di fare la cosa quasi più ovvia: tradurlo.
Una traduzione quasi letterale, in cui una sola cosa cadrà: il mio nome.

Poiché mentre in inglese può ancora essere comune trovare un nome proprio in un titolo, come è per quello del blog, in italiano non suona molto bene.

Ma qual è questo titolo che ho deciso di usare d'ora in avanti?

Beh, non mi resta che darvi il benvenuti alla Fumeria dei Pensieri Incompiuti.

domenica 2 agosto 2020

E anche quest'anno gli OSR conquistano gli ENnie Awards

È ormai da qualche anno che agli ENnie Awards gli OSR portano a casa un sacco di succosi premi.

L'OSR è ormai un movimento e uno stile di gioco affermato nel mondo ruolistico internazionale, e qui in Italia sta iniziando a farsi sentire ultimamente con sempre più insistenza.
E quindi mi sembra giusto parlarvi (almeno un minimo) di quei prodotti che si sono distinti in questa premiazione.

E dunque senza indugiare ancora ecco il carro dei vincitori, con tanto di link per poter acquistare queste perle ruolistiche!



Mork Borg


Senza dubbio la stella (nera e a cinque punte) della serata, un artbook prima e un gioco di ruolo poi, che trasuda black metal da ogni suo angolo.
Un layout ricercatissimo, differente da pagina a pagina e carico di illustrazioni degne delle migliori band death metal.
Un mondo sull'orlo del nichilismo totale, prossimo all'apocalisse, descritto a grosse pennellate ma carico di ispirazioni.
Un regolamento minimale ma solido, assolutamente OSR e in linea (soprattutto nelle classi) con l'immaginario del manuale.

Premiato per:
Best Layout and Design - Oro
Best Writing - Oro
Best Game - Argento
Product of the Year - Oro

Non ve lo metto nemmeno il link per il pdf; se lo volete, dovete averlo cartaceo, altrimenti non ne vale la pena: lo potete acquistare qui.



The Ultraviolet Grasslands


Al ritmo psichedelico di carovane che si trascinano lungo fantasmagoriche steppe assolate e misteriose, quest'avventura / ambientazione è stata premiata per le fantastiche illustrazioni di Luka Rejec, che è altresì l'autore del modulo stesso (seguite i suoi canali e il Patreon, non ve ne pentirete!)
Con forti ispirazioni provenienti dal rock psichedelico, è di gran lunga il mio favorito, pur ammettendo non aver ancora letto perché sto aspettando con impazienza e trepidazione che mi arrivi il cartaceo (le recensioni sono, però, sempre ottime).
Se dovete scegliere una cosa sola da questa lista, io dico UVG.

Premiato per:
Best Cover Art - Argento
Best Interior Art - Oro

Potete acquistarlo in cartaceo qui e in pdf a questo indirizzo.
Esiste anche una versione gratuita, precedente al KS, che potete trovare qui per farvi un'idea (un'idea da quasi 80 pagine).



Tunnel Goons 


Del buon Nate Treme di Highland Paranormal Society, un regolamento "OSR-adjacent" ultramininale, gratis, elegante nella sua semplicità e che ha dato vita a una serie di hack di vario genere.
Anche Nate è un autore da seguire attentamente, forte di tanta immaginazione e uno stile di layout e illustrazioni molto bello e particolare.

Premiato per:
Best Free Game/Product - Oro

Potete trovare il pdf a quest'indirizzo, più i link ai vari hack.



Trilemma Adventures Compendium vol. 1


Se vogliamo avventure semplici da portare al tavolo e accompagnate da belle mappe, Trilemma è quello che fa per voi. Decine di avventure molto ispirate da prendere e usare senza quasi alcuna preparazione.
Inizialmente pubblicate gratuitamente sull'omonimo blog, sono state ora raccolte, aggiornate e ripubblicate in un lussuoso manualone grazie a un bel Kickstarter di successo.
Le statistiche dei mostri inizialmente non presenti (essendo avventure indipendenti dal sistema) sono ora state fatte per D&D 5e, D&D B/X e Dungeon World.

Premiato per:
Best Cartography - Oro
Best Adventure - Argento

Potete trovare tutti i link per acquistarlo in pdf o cartaceo a questo indirizzo.



    A Pound of Flesh


    Se cercate un horror fantascientifico alla Alien, System Shock e simili allora volete Mothership (vincitore di un paio di ENnies già l'anno scorso).

    Se volete una stazione spaziale piena di vita, agganci per avventure, cose da fare, spunti e situazioni horror e non e soprattutto facile da usare, allora volete il suo secondo modulo ufficiale: A Pound of Flesh.
    Questo modulo è semplicemente incredibile, e pieno zeppo di roba come pochi altri in sole 50 pagine.
    E questo grazie al suo fantastico layout e design. Indovinate per cosa è stato premiato?

    Premiato per:
    Best Layout and Design - Argento
    Best Adventure - Oro

    Potete acquistarlo sia in formato albero morto che per datapad a questo link.



    Jim Henson’s Labyrinth


    Questo è un bonus, infatti non è OSR, ma è scritto da chi di OSR se ne intende eccome: Ben Milton di The Questing Beast.
    È da tempo che voglio un GdR, meglio se OSR, basato sul mondo di Labyrinth.
    Questa è la cosa che ci va più vicino, e Ben Milton è una garanzia, quindi devo dire che sono assolutamente contento e non vedo l'ora di averlo tra le mani.

    Labyrinth, come alcuni sapranno, verrà tra l'altro pubblicato in italiano dalla Need Games a settembre, quindi aspetterò a prenderlo.

    Premiato per:
    Best Family Game / Product - Argento
    Best Cartography - Argento

    Per chi fosse impaziente lo
    può acquistare qui (anche se al momento in cui scrivo è esaurito).


    † † †


    E con questa si chiude la carrellata di titoli, che erano solo una minima parte degli splendidi prodotti OSR nominati, e soprattutto pubblicati in quest'ultimo anno.

    Spero questi possano piacervi e interessarvi, e di farvi aspettare con curiosità le novità di questo 2020 che, se non ci sta portando gioie nella vita reale, spero almeno possa portarcene nelle vite fantastiche che viviamo con i nostri amici.

    venerdì 24 luglio 2020

    Una chiacchierata sull'OSR con Helios Pu

    Sto diventando famoso!
    Presto inizierò a promuovere set di pentole e servizi VPN qui sul blog, aspettatevi presto le pubblicità...

    Naaaah.

    Scherzi a parte, il mio lavoro di divulgazione (almeno ci provo) sul movimento e sullo stile di gioco OSR sembra stia dando i suoi frutti e in giro vari giocatori e divulgatori o comunque facce conosciute nel mondo ruolistico italiano si stanno iniziando ad interessare alla cosa.

    E così sono finito a fare delle chiacchierate con Veri Important Pipol sui due miei argomenti preferiti: GdR e OSR.

    Questa è l'intervista con il famigerato Helios Pu alias Il Vate (anche se lui stesso dice che il suo lato oscuro inizia a stargli stretto) dove parliamo di quanto sopra in una chiacchierata che doveva durare un'oretta e che invece si è protratta per quasi due ore e mezza.

    E quindi senza indugiar ancora, qui trovate la video-chiacchierata in modo tale non solo da udir le nostre soavi voci ma anche poter vedere i nostri magnifici volti dalla bellezza greco-classica.

    Sotto invece trovate l'intervista in formato audio da ascoltare direttamente dal sito o da scaricare e poter riprodurre in un lettore di audiolibri e farvi cullare, con gli occhi chiusi, in un effetto quasi ASMR.
    Ringrazio a Daniele Di Rubbo che mi ha tolto il faticoso compito di scaricare l'audio da me.

    Il video della chiacchierata:



    A questo link trovate la versione "originale" su Facebook alla pagina del Vate, utile più che altro per poter vedere i commenti fatti in diretta, ai quali rispondiamo.

    Versione audio ASMR superdeluxe:



    † † †

    Ee dopo averci ascoltato avete domande, volete precisazioni, o se semplicemente avete voglia di dire la vostra, siete benvenuti nei commenti!

    giovedì 16 luglio 2020

    Sarebbe forse meglio scrivere in italiano?


    È da tempo che ci penso e forse è il momento di cambiare qualcosa.

    Ho sempre preferito l'inglese perché scrivendo soprattutto di OSR sapevo che in Italia non sarebbe stato granché letto. L'inglese mi avrebbe assicurato più "copertura", il che era da preferire perché, se devo scrivere qualcosa, preferisco venire letto. E se sei italiano e giochi ai GdR, soprattutto OSR, un po' l'inglese lo dovresti capire.

    Ma è da un po' di tempo che (mi piace pensare grazie anche al mio lavoro di divulgazione) l'OSR stia iniziando ad essere conosciuto e riconosciuto anche in Italia.
    E forse visto che blog in italiano che scrivono e parlano di OSR non ce ne stanno quasi (con alcune notevoli eccezioni) allora forse vale la pena iniziare a occupare questa nicchia e dare un po' più di voce al mio stile di gioco e design preferito.

    Non è una decisione facile ma, obiettivamente, non è che comunque facessi questi grandi numeri in termini di lettori scrivendo in inglese. Ci sono già un sacco di autori e blogger bravissimi nella blogosfera anglofona (davvero, date anche solo un'occhio all'elenco dei blog a destra, assolutamente non esaustivo) quindi io non farei granché differenza.
    Però potrei farla scrivendo in italiano o, al limite, manterrei il numero di lettori almeno simile a quello precedente e sarebbe per chi mi segue già più facile da leggermi.

    Senza contare che c'è un grosso vantaggio da non sottovalutare se decidessi davvero concentrarmi sull'italiano: sarei più autentico, farei molta meno fatica a scrivere, e potrei concentrarmi molto di più sul contenuto anziché sulla forma (e la correttezza grammaticale!).
    E non è poco.

    Cosa dovrei iniziare a cambiare nel blog alla luce di questa (eventuale e non ferma) decisione?

    1) Il titolo, forse, andrebbe accorciato. Dismaster's Den potrebbe andare bene. Già è un nome difficile per un inglese, figuriamoci per un italiano. E diciamocelo, per quanto l'idea fosse scrivere i miei "Unfinished Thoughts", ovvero i miei "pensieri inconclusi", fin da subito mi sono dimostrato un perfezionista, rileggendo infinite volte i post e mai pubblicandoli prima che fossero perfetti il più possibile.

    2) Il sottotitolo: devo scrivere per italiani, meglio che sia in italiano.

    3) Le pagine "Su di Me" e "Sulla Fumeria" andrebbero declinate principalmente per l'italiano, e in secondo luogo per l'inglese.

    4) I titoletti dei vari cazzilli nelle colonne del blog: in italiano.

    5) Ecco, l'elenco dei blog da seguire rimarrebbe così com'è. Forse dovrei farne due: uno per quelli in italiano (ahimé molto breve) e uno per quelli in inglese. Ma l'elenco non può che vedersi aumentare il numero di blog.
    Imparate l'inglese, su, ormai dovreste saperlo che è essenziale.

    6) I tag sono da tradurre. Alcune cose rimangono invariate, ma quelli generici devono essere convertiti in italiano.

    7) I post. Ovviamente in italiano. Questa è la cosa più banale e facile da dire, ma anche la più difficile da fare. Proverò a mettermici sotto nel mio poco tempo libero.
    Ecco no, non intendo cancellare i post in inglese, e non garantisco di tradurre quelli solo in inglese.
    Questo lavoro sinceramente me lo risparmio più che volentieri.

    Un po' di lavoro da fare c'è. Vedremo come va.
    Alla fine scrivendo questo post mi sono quasi convinto a farla questa "pazzia". E vediamo se supero il Tiro Salvezza.

    Soprattutto vedremo se riuscirò nel mio intento: dare ancora più voce all'OSR anche in Italia, e farlo conoscere anche ad altre persone che potrebbero adorarlo come lo adoro io.

    E magari chissà, un giorno forse pubblicherò il mio OSR o la mia avventura (o avventure!).
    Vedremo, per ora è presto dirlo.

    Nel frattempo, fatemi sapere cosa ne pensate, che ci tengo anche alle vostre opinioni.

    Nel frattempo, buonanotte, che è tardissimo e ho sonno, e domani non voglio il malus di -2 a tutte le prove, che lavoro.